Il blog è un’area di sfogo, quindi, se avrete voglia, tempo e pazienza di leggere questo post, vi sorbirete lo sfogo di una cinquantenne (quasi) in preda a una nascente pre-menopausa. I toni non mi preoccupano, tanto so che gli uomini non leggeranno queste mie righe, non essendo assolutamente interessati al tema. Loro sono più interessati ai post sui costumi da bagno (cari omaccioni che state leggendo per errore, state lì buoni perché la cinquantenne avrà belle sorprese per tutti voi).

Bene, al riparo dai commenti ironici e dagli sguardi di compatimento del genere maschile, mi lancio nel primo, vero sfogo di DONNA IN PRE-MENOPAUSA. Sì perché, in attesa della conferma definitiva del ginecologo, dovremmo proprio esserci.

Ultima mestruazione pervenuta? In data 27 agosto. Sono incinta? Assolutamente no. Nessun “royal baby” all’orizzonte, nemmeno il simpatico neonato su cui ho favoleggiato nel post a questo LINK. Quindi? A venticinque anni dalla comparsa delle mie prime mestruazioni, quindi perfettamente in linea con le tempistiche standard, ecco la prima avvisaglia di stop. Quindi…

Pensiero nr. 1. SONO VECCHIA. SONO ANDATA.

Pensiero nr. 2. CORRI A COMPERARE GLI ISOFLAVONI DI SOIA

Pensiero nr. 3. GUARDATI CON ALTRI OCCHI

Infatti mi sto guardando con grande attenzione e improvvisamente scopro cedimenti e appannamento un po’ dappertutto. Probabilmente erano già in atto da tempo, solo che ora mi appaiono ancor più evidenti e reali. Soprattutto reali. Nell’ordine ha iniziato a crollare di tutto: l’interno braccia, il gluteo sinistro (più che quello destro, che strano…), l’interno coscia, i bicipiti, il seno (questo poi…). Casca tutto con una lentezza esasperante dandomi il modo di seguire in diretta l’inevitabile declino. Come in uno spettacolo in slow motion. Peccato che il regista sadico abbia messo in scena la tragedia “LU DECADENCE”. La mia tragedia.

Io ci provo a tenermi in forma, ma il tempo passa comunque...

Io ci provo a tenermi in forma, ma il tempo passa comunque…

Sui benefici degli ISOFLAVONI DI SOIA ci torneremo. Ora mi sono buttata in modo casuale su un prodotto, che però sostituirò al termine del flacone. Ne assumerò un altro, definitivo, del quale vi parlerò presto in modo approfondito.

Che momento curioso, è questo… Quanti pensieri per la testa, quante domande che rimangono lì sospese senza alcuna risposta. Senza drammi per carità! Mettiamoci pure tanta sana ironia, ma… la verità è che ci siamo. Il periodo più attivo e produttivo della mia vita sta inesorabilmente volgendo al termine e io non sarò più la stessa.

Per come sono fatta io (più attiva che cerebrale), so che mi occuperò di più degli aspetti pratici della pre-menopausa, che non di quelli psicologici. Ad esempio, ora sono alle prese con il ritardo mestruale, pensiero che mi assilla non poco.

Non tanto per il ritardo in sé, ma essendo la mia vita quotidiana in balìa di ampi spostamenti anche senza preavviso, non posso di certo farmi cogliere impreparata da un’esplosione improvvisa del flusso. Avete presente una CARRAMBATA MESTRUALE? Ecco, appunto.

Atterrita dall’idea di dover gestire l’emergenza, magari su un aereo in volo oppure in barca mentre chiudo un serrate o più semplicemente nel tratto a piedi Fujifilm/MM Cernusco, ecco che l’organizzazione del contenuto (e degli spazi) nella mia borsa ha subito una drastica modifica: il 50% del volume delle mie gigantesche shopper è occupato ora da un arsenale di assorbenti di ogni tipo e genere. Si va dal SUPER per flussi da elefante, al SALVASPLIP per i momenti di ansiosa attesa, passando per i “proiettili” OB, che ti salvano in caso di eventi. Pure loro, nelle più variegate size e livelli di assorbenza.

Esagerata? No, solo pronta per la… CARRAMBATA!

Buona PRE-MENOPAUSA  a tutte voi!

 

(Visited 283 times, 1 visits today)
Stampa Stampa