Mancano 500 giorni ai miei 50 anni. E questa è la prima di 500 storie che scriverò, che racconteranno di esperienze quotidiane, un po’ fuori dalle righe, perché questa è la mia vita e dalla mia vita ci si deve aspettare di tutto, tranne la normalità.

La normalità sarebbe raccontare il campionato regionale di remergometro al quale ho partecipato oggi a Cremona, presso la mia società canottieri (Baldesio). Niente di strano, chiunque potrebbe fare una gara, visto che le iscrizioni sono libere e io l’ho portata a termine senza nemmeno allenarla.

Invece, descriverò questa gara come un grande forziere, pieno di tesori preziosissimi. Un forziere che abbiamo iniziato a riempire lo scorso mese di agosto, uscendo in barca, durante un allenamento sotto un sole cocente. Sarà stato il sole cocente, sarà stato l’entusiasmo che ha sempre animato ogni nostra iniziativa, ma con un pizzico di follia, due vogatori (uno con cariche federali, l’altra semplicemente ex-ginnasta) buttarono a pelo d’acqua centinaia di idee. Remando tra i flutti del Po, continuarono a macinare idee fino ad abbozzare un progetto innovativo che, se davvero portato a termine, avrebbe potuto trasformare un evento remiero indoor, in una “case history”.

“Perché no?!” La Lu e Fabio erano pronti a procedere, veloci come un quattro di coppia in una finale olimpica…

Da quella remata agostana,  sotto il SOLE ASSOLUTO, abbiamo portato a casa nell’ordine:

1. un testimonial che risponde al nome di SIMONE RAINERI, canottiere leggendario e campione olimpico (si sta allenando per staccare il pass alla sua quinta Olimpiade…);

2. la realizzazione di un contest con gli studenti del Liceo Artistico Munari di Cremona che hanno creato la grafica del campionato regionale con una efficacia da far impallidire l’agenzia di pubblicità più titolata;

3. il lancio di un nuovo programma di Indoor Rowing dedicato a una utenza desiderosa di provare nuove esperienze di fitness, del quale si stanno occupando media nazionali (primo fra tutti il settimanale STARBENE) e che ora andremo a diffondere su più ampia scala;

Ecco l'uscita su STARBENE in edicola proprio questa settimana. Vi sveliamo il programma "INDOOR ROWING MASTER CLASS". Per tutti!

Ecco l’uscita su STARBENE in edicola proprio questa settimana. Vi sveliamo il programma “INDOOR ROWING MASTER CLASS”. Per tutti!

4. un grande progetto di copertura mediatica su Simone Raineri (sarà cover story su un importante mensile maschile e con lui è solo l’inizio);

Io e Simone Raineri. Leggenda pura del canottaggio mondiale.

Io e Simone Raineri. Leggenda pura del canottaggio mondiale.

6. un menu ad hoc dedicato al canottaggio e al torrone, quest’ultimo “protagonista” della locale “FESTA DEL TORRONE”, che potete degustare fino alla fine del mese all’OSTERIA APORTI di Cremona

Questo è il "Bignè Quattro Con" ed è stato realizzato per noi dallo chef dell'Osteria Aporti di Cremona

Questo è il “Bignè Quattro Con” ed è stato realizzato per noi dallo chef dell’Osteria Aporti di Cremona

5. una start-up dedicata al canottaggio e al turismo, sulla quale inizieremo a lavorare dalla prossima settimana, con un pool di esperti ad altissimo livello.

Ce ne sarebbe un altro, ma ne parlerò quando avrò la certezza matematica della sua realizzazione.

Grazie a questo “caleidoscopio” di eventi, questo regionale non è passato inosservato. Se ne è parlato su Starbene, Gazzetta dello Sport, Radio Sportiva, oltre a numerosi media locali on e offline. Ha lanciato piccole, ma dosate provocazioni che hanno raccolto l’interesse e il supporto di soggetti sensibili al nuovo. Era ciò che volevamo e forse abbiamo ottenuto più di quanto ci aspettassimo. Ma solo perché non volevamo pensare troppo in grande.

E la gara? La gara è stata straordinaria. Il sole ci ha accompagnato dal primo all’ultimo minuto, pennellando di bellezza e colore la canottieri ospitante. Gli atleti si sono divertiti, le sfide sono state bellissime, la gente ha applaudito e ha riempito il palazzetto dall’inizio delle gare, fino all’ultima sfida. E’ andato tutto al meglio. Non abbiamo dormito la notte nell’ultimo mese, ma ne è valsa la pena e, come si suol dire… THE BEST IS YET TO COME.

Mia figlia Rebecca, che mi incita e dà indicazioni. C'è anche Simone Raineri alla mia siniztra.

Mia figlia Rebecca, che mi incita e dà indicazioni. C’è anche Simone Raineri alla mia sinistra.

Volete sapere il mio risultato? Il mio risultato era dietro alle mie spalle, seduta sulla sedia del coach a spingermi, incitarmi, darmi indicazioni. Mia figlia Rebecca, ottimo canottiere fino a qualche anno fa, ha accompagnato la mia prima esperienza di gara al remergometro. Era questo il risultato che speravo di portare a casa. Lei e Simone Raineri, anche lui alle mie spalle nella fase finale della gara, mi hanno fatto migliorare il mio piccolissimo personale. Ora finisce la mia fase di rodaggio e inizia quella della programmazione. Ogni gara verrà preparata con un allenamento mirato, visto che fino ad ora, con tanta incoscienza ci siamo buttati senza paracadute… :)))))

La Lu, Fabio e Diego. Noterete l'ordine "crescente"... :)))

La Lu, Fabio e Diego. Noterete l’ordine “crescente”… :)))

La gara l’ha vinta il team. Io e Fabio per primi, che ci abbiamo sempre creduto, sempre, come due veri agonisti combattenti. Di questo team fanno anche parte: Simone Raineri, disponibilissimo, uomo e atleta straordinario, poi Cristina, che ha sempre creduto nella bontà del progetto, sostenendoci con un supporto giornalistico di grandissima qualità, e che con una grinta da ragazzina sta testando con noi il programma di Group Rowing, Diego Rivieri che è il nostro coach di Group Rowing ed è grazie a lui se siamo riusciti a guardare oltre un confine troppo stretto, Luca lo chef dell’Osteria Aporti, che ha accolto la nostra sfida con un menu dedicato e super-creativo, infine Ninfa, Donatella, Matteo e Gianfranco, che dalle redazioni milanesi hanno tenuto il filo diretto con noi.

– 500. Spero di poter scrivere altre storie come questa. A domani.

 

 

(Visited 215 times, 1 visits today)
Stampa Stampa