Ma quanto mi manca PINZOLO, meravigliosa località montana adagiata nella Val Rendena, in Trentino.

Mi manca da morire. Per tanti anni sono stata una sua assidua frequentatrice, vista la mia passione per l’alpinismo d’alta quota. Da lì, il mio campo base perfetto, ho avuto il piacere di mettermi in marcia per raggiungere l’Adamello, la Presanella, il Gruppo di Brenta o semplicemente, fare belle passeggiate nella Val Genova. Passeggiate, che non duravano mai meno di otto ore.

In gioventù ho frequentato Pinzolo anche per approfittare della tranquillità spettacolare delle sue piste di fondo. Ancora oggi, a distanza di oltre 20 anni, ho ancora impresso negli occhi lo scintillio del sole sulla neve fresca, il sentore gelido di neve misto muschio nelle narici, l’ovattato silenzio rotto solamente dal “flap, flap” della sciata.

Di quel posto, che conosco come le mie tasche, ho amato tutto e temo che dovrò tornarci in fretta, poiché la nostalgia ha raggiunto livelli difficilmente governabili.

fiori di zucca Pinzolo

Frutto di una magia…

Frugando qua e là, tra i ricordi fotografici, ho trovato questa sequenza che racconta di un indimenticabile pomeriggio passato a raccogliere e preparare fiori di zucca. Spesso, di rientro dalle scarpinate, ci si fermava a raccogliere frutti e erbe spontanee, per poi trasformarli in piatti gustosissimi. Come questi fiori di zucca impanati, che hanno fatto la nostra gioia, una sera di luglio, di cinque anni fa.

Non ne ho più gustati così... urge un ritorno veloce a Pinzolo!

Non ne ho più gustati così… urge un ritorno veloce a Pinzolo!

fiori di zucca di Pinzolo

Fiori di zucca spontanei, ci credereste? Solo a PINZOLO!

Come vorrei, poter tornare indietro nel tempo… Ma nel frattempo, proviamo a gustarli insieme, almeno immaginandone sapori e profumi.

La preparazione è semplicissima. Come sapete i fiori di zucca vanno accuratamente puliti, per evitare di romperli, togliendo il picciolo interno. usate una spugnetta appena inumidita. Dopodiché sono pronti all’uso. Potete farcirli, usarli per impreziosire un sughetto ai funghi, metterli nel risotto, oppure… semplicemente passarli nell’uovo, nel pangrattato e friggerli.

Serviteli caldissimi, sono fantastici, un vero piatto unico.

Pinzolo, mia, preparo la borsa e volo da te nel weekend!

(Visited 83 times, 1 visits today)
Stampa Stampa