Che voglia di staccare la spina. Ne ho viste e sentite così tante nelle ultime settimane, da desiderare un mese di “buen retiro” da qualche parte. Nella campagna inglese, ad esempio, in un bel cottage con giardino e una grande cucina. E magari anche un salotto, con un grande camino da tenere sempre acceso. Poco importa se fuori pioverà, se il cielo sarà grigio, se la nebbiolina avvolgerà il paesaggio. La Lu se ne starà in pace con l’universo, nel clima confortevole del suo bel cottage. E peccato per chi se la prenderà.

Visto che non sarà un eremo, ma un cottage principalmente vocato al “relax cuciniero”, prevedo spazio per chi vorrà passare per un saluto, una chiacchiera e un assaggio, davanti al camino scoppiettante, oppure in cucina o magari…

Sarete i benvenuti, ma solo se avrete "buoni" argomenti per me.

Sarete i benvenuti, ma solo se avrete “buoni” argomenti per me.

Non amo il cicaleccio, nemmeno certe voci femminili petulanti, insistenti, che danno tono a parole vuote, di cui non me ne frega davvero nulla. Il mio piccolo mondo ne è pieno, purtroppo. Che poi, ultimamente mi è capitato di sperimentare il cicaleccio al “maschile”, ancor peggio perché disarmante, pericolosissimo e ancor più insopportabile. In queste situazioni, dopo aver accusato l’eventuale colpo, scelgo il silenzio e l’osservazione distaccata. Tanto poi, è sulla distanza che escono i valori, quelli veri.

Anche questa è l'atmosfera che mi piacerebbe ricreare nella mia cucina rustica.

Anche questa è l’atmosfera che mi piacerebbe ricreare nella mia cucina rustica.

Così stasera, immersa nel mio silenzio pensieroso e anche un po’ stanca per l’intenso weekend appena trascorso, mi sono messa a preparare un dolce 100% BRITISH. Una cake leggendaria che gli inglesi consumano all’ora del tè, ovvero, la POUND CAKE.

fette burrose di POUND CAKE dal forte accento "BRITISH"

fette burrose di POUND CAKE dal forte accento “BRITISH”

La POUND CAKE sa di Inghilterra. E’ essenziale, ma burrosissima. Si presenta come un dolce casalingo, ma la si trova negli hotel più lussuosi per un breakfast a tutta caloria. La sua particolarità è l’assenza di lieviti chimici o altri agenti lievitanti come il bicarbonato. Il che implica una lavorazione più scrupolosa e proprio per questo appagante. Il volume della torta si crea durante la lavorazione del burro a crema e l’aggiunta degli ingredienti in step ben definiti. La vedrete gonfiarsi durante la cottura in forno e allora, sì, che sarete soddisfatte del vostro lavoro. E quel cicaleccio fastidioso che ha ronzato (e continua a ronzare) nelle vostre orecchie perderà sempre più forza, fino a morire del tutto.

Amen.

POUND CAKE DELLA LU – da preparare meditando oppure chiacchierando amabilmente di libri letti…

La bella "frattura" sulla crosta... Qualcosa mi dice che la mia cake sia riuscita!

La bella “frattura” sulla crosta… Qualcosa mi dice che la mia cake sia riuscita!

Per uno stampo da plum cake standard (750ml) oppure una tortiera da 20/22cm di diametro

Occorrono: 250gr di farina debole setacciata insieme ad un pizzico di sale; 250gr di zucchero semolato; 250gr di burro a temperatura ambiente ridotto a pezzetti – 5 uova medie a temperatura ambiente – burro e farina per lo stampo.

Procedo così: scaldo il forno a 180°. Con l’ausilio di fruste elettriche monto a crema il burro, selezionando la velocità media. Dopo circa 3 minuti, aggiungo una prima cucchiaiata di zucchero e monto per un minuto. Vado avanti così fino ad esaurimento dei 250gr di zucchero. Dopodiché aggiungo il primo uovo all’impasto, continuando a montare a velocità media. Lascio passare un minuto e aggiungo l’altro uovo, fino ad esaurire le 5 uova. Termino montando per 3 minuti alla massima velocità. Aggiungo infine la farina setacciata, un cucchiaio alla volta amalgamando bene, dal basso verso l’alto, avendo cura di non smontare l’impasto. Metto l’impasto nello stampo che ho imburrato e infarinato in precedenza. Metto nel forno e cuocio per 45 minuti. La superficie risulterà dorata, con belle fratture sulla crosta. La pasta dovrebbe risultare morbida al punto giusto.

Pronta per la colazione e per quando siamo "sottotono" causa superlavoro.

Pronta per la colazione e per quando siamo “sottotono” causa superlavoro.

Domattina, questa POUND CAKE firmerà la mia colazione. Nella quiete del cottage dei miei desideri, al riparo dalle idiozie formato chiacchiera, tra una fetta e l’altra…

 

 

 

 

 

(Visited 99 times, 1 visits today)
Stampa Stampa